Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

Avvisi alla popolazione

Split Payment

L’entrata in vigore della norma in oggetto, ha portato ad una sostanziale modifica del Dpr n. 633/1972 in materia di IVA, introducendo ex novo l’articolo 17- ter.

Secondo tale nuova formulazione, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di una serie di enti pubblici tra i quali sono compresi anche i Comuni, (prestazioni per le quali tali cessionari o committenti non sono debitori d’imposta ai sensi delle disposizioni in materia d’imposta sul valore aggiunto), l’imposta viene versata dai medesimi secondo modalità e termini fissati dall’apposito decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Tale disposizione implica che il fornitore continuerà ad esporre l’IVA in fattura, ma l’Amministrazione pubblica non procederà a saldare il relativo importo in quanto trattenuto e versato direttamente all’Erario.

Al fine di una corretta gestione del nuovo meccanismo sopra indicato, si invitano tutti i fornitori di questo Comune ad aggiungere alle proprie fatture la seguente dicitura:

“Scissione dei pagamenti – Art. 17 – ter del Dpr n. 633/1972”.

E’ doveroso precisare che tale nuovo principio non viene applicato ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito o alle fatture emesse in regime di reverse charge.

Per l’Ente, l’esigibilità dell’IVA rimarrà comunque stabilità al momento del pagamento della fattura, mentre per il fornitore non è più applicabile il regime iva ad esigibilità differita.