Benvenuti nel sito del Comune di Leno (Brescia)

[Torna indietro di un passo !]
Posizionamento nel sito: Sei in Home Page > Uffici e Servizi > Amministrativi e Demografici > Anagrafe  

Autocertificazione

L`autocertificazione consiste nella facoltà riconosciuta ai cittadini di comprovare stati, fatti e qualità personali con semplici dichiarazioni scritte e sottoscritte dall`interessato, senza dover presentare i corrispondenti certificati.

Le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi pubblici (ad esempio: Enel, Telecom, Poste) non possono richiedere i certificati nei casi in cui è ammessa l`autocertificazione.

I privati (ad esempio, le banche e le assicurazioni) possono, invece, scegliere se accettare o meno le autocertificazioni.

Per redigere le autocertificazioni chi lo desidera può servirsi dei modelli messi a disposizione presso l’ufficio anagrafe o scaricarli direttamente prelevandoli dai links inseriti in questo testo.
La firma non deve essere autenticata.

Possono essere autocertificati:

Per una dichiarazione che comprenda tutti i fatti e le qualità autocertificabili vedi: Tutte_ le_ autocertificazioni

Per i minori la dichiarazione deve essere resa dal genitore esercente la potestà. Vedi:
Autocertificazione_generica_genitore, Autocertificazione_genitore_resid_fam

 

Inoltre, i dati relativi a cognome e nome, luogo e data di nascita, cittadinanza, stato civile e residenza possono essere comprovati mediante la semplice esibizione di un documento d’identità o di riconoscimento che li attesti (ad esempio, carta d’identità, passaporto, patente di guida, libretto di pensione).

 

I certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità CE, di marchi o brevetti non possono essere sostituiti da altro documento, salvo diverse disposizioni della normativa di settore.

Tutti i certificati medici e sanitari richiesti dalle istituzioni scolastiche ai fini della pratica non agonistica di attività sportive da parte dei propri alunni sono sostituiti da un unico certificato di idoneità alla pratica non agonistica di attività sportive rilasciato dal medico di base con validità per l`intero anno scolastico.

 

Dichiarazioni sostitutive dell`atto di notorietà

Gli stati, i fatti e le qualità personali non compresi  nell`elenco di cui sopra possono essere comprovati dall`interessato con una dichiarazione sostitutiva dell`atto di notorietà. (dichiarazione_notorietà_generica)

L`interessato può, ad esempio, dichiarare di essere erede di una determinata persona (Dichiarazione_eredi), di essere proprietario o locatario di un appartamento, oppure dichiarare il proprio stato di servizio, o la conformità all’originale della copia di un documento (Dichiarazione_copia_autentica).
La dichiarazione può riguardare anche qualità e fatti relativi ad altre persone, purchè il dichiarante ne abbia conoscenza diretta. Non può però contenere manifestazioni di volontà, come ad esempio una procura.

La firma in calce alla dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà diretta ad una pubblica amministrazione o ad un gestore di pubblico servizio non deve più essere autenticata. E’ sufficiente che la dichiarazione venga firmata davanti al dipendente addetto a riceverla oppure venga presentata o inviata, anche per fax, allegando la fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore.

Devono essere autenticate soltanto le firme in calce alle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà finalizzate alla riscossione, da parte di terzi, di benefici economici (ad esempio, pensioni e contributi) e quelle rivolte a privati.
Vedi: Autenticazione di firme

 

Cittadini stranieri e dichiarazioni sostitutive

Le norme sull’autocertificazione si applicano ugualmente ai cittadini italiani e ai cittadini dell’Unione Europea.

I cittadini dei paesi extracomunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno, possono utilizzare l’autocertificazione solo per comprovare dati che siano attestabili da pubbliche amministrazioni italiane (ad esempio, la residenza in Italia).

 

Responsabilità per le dichiarazioni sostitutive

Le amministrazioni effettuano controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e delle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà che vengono presentate loro.
Qualora dai controlli effettuati emerga che la dichiarazione è falsa, il dichiarante decade dai benefici eventualmente ottenuti sulla base della stessa.
Inoltre, chi rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.
L’esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti al vero equivale ad uso di atto falso.

 

PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO

  • D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa".

Questo servizio è disponibile nelle seguenti fasi:

Comune di Leno (Brescia) - Via Dante, 3 - 25024 Leno (Bs) - Telefono: 03090461 - Fax: 0309038305
Codice Fiscale: 88001410179 Partita IVA: 00727240988
Email: protocollo@pec.comune.leno.bs.it
© Tutti i diritti riservati
Valid Xhtml ! Valid CSS ! Dichiarazione di accessibilità !
Inizio Pagina - Politica sui cookies

Il sito del Comune di Leno (Bs) sito si avvale di cookie necessari al suo funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies.